Inter di misura sull'Udinese, terza vittoria consecutiva e primo posto in classifica in Serie A dopo tre giornate di campionato. Ancora presto per esaltarsi, ma certamente i motivi per sorridere ci sono tutti ad iniziare da una squadra che mostra una certa personalità e, inoltre, sa anche cambiare modulo. Antonio Conte guarda ad entrambi i bicchieri, quello mezzo pieno è rappresentato dal risultato e dalla prestazione di alcuni giocatori, Stefano Sensi su tutti come match-winner e migliore in campo, ma anche la difesa che ha corso pochissimi rischi con un monumentale Skriniar e con Godin che ha sfoderato la consueta esperienza e personalità nonostante fosse alla prima partita dopo un'estate difficile causa infortunio.

Il bicchiere mezzo vuoto è invece frutto di una squadra che ha raccolto certamente meno di quanto costruito, uno striminzito 1-0 nonostante diverse palle-gol e dalla prestazione poco brillante di Romelu Lukaku. Ma per il suo centravanti di ritorno dalle partite di qualificazione ad Euro 2020 con la nazionale belga, Conte spende belle parole perché l'ex Manchester United è andato in campo con un problema fisico accusato durante il riscaldamento. L'allenatore lo conferma ai microfoni di Inter TV.

'Lukaku non al top, ma ha avuto un problema'

Poco incisivo in area e spesso ingabbiato dalla difesa friulana, Lukaku resta comunque un punto di riferimento in attacco ed in questo caso l'unico vero punto visto che l'Inter è andata in campo con un inedito 3-4-2-1. "Romelu ha avuto un problema alla schiena nel corso del riscaldamento - dice Conte - e dunque prima di tutto lo ringrazio perché davvero ha dato tutto quello che aveva.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Inter

La sua prestazione non è stata chiaramente al top, ma ha avuto un problema". Noia fisica peraltro evidente nel momento della sostituzione con Lautaro, quando il belga si è tolto da sotto la maglia una vistosa fascia elastica. "Quando i giocatori tornano dalle partite in nazionale sarà sempre un problema, per un allenatore non è facile riprendere dopo 15 giorni".

'Barella? L'ho sostituito perché già ammonito'

Al posto di Lukaku è entrato Lautaro.

"Sono contento della sua prestazione, ha giocato da centravanti e sta crescendo". Anche le altre due sostituzioni nerazzurre, comunque, sono state 'forzate', al di là di Politano uscito per un problema fisico e sostituito da Alexis Sanchez che ha avuto almeno due nitide palle-gol, anche per Barella si è trattato di una scelta motivata: l'ex Cagliari non è tornato in campo dopo l'intervallo, al suo posto è stato schierato Gagliardini.

"Nicolò era stato ammonito, non volevo rischiare un secondo giallo che avrebbe ristabilito la parità numerica". Poi loda alcuni giocatori. "Gagliardini e Matteo Politano mi sono piaciuti e penso a Godin che non giocava una partita vera da due mesi. Dobbiamo crescere e ci sarà da lottare. Adesso godiamoci queste vittorie, penso che abbiamo meritato. Certamente con l'Udinese potevamo chiuderla prima e gli abbiamo concesso anche una grande occasione, su questo dobbiamo migliorare.

Ora bisogna pensare a martedì". Appuntamento pertanto alla prima gara di Champions League, il 17 settembre alle ore 18.55 al 'Meazza' contro lo Slavia Praga.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto