La vittoria dell'Inter contro la Juventus certifica l'equilibrio presente in questa stagione in Serie A. Sorprende la facilità con cui la squadra nerazzurra è riuscita a battere la squadra di Pirlo, apparsa in difficoltà motivazionale e tattica. Nel post partita l'allenatore dell'Inter non ha nascosto la sua soddisfazione per il successo raggiunto dai suoi ragazzi. Un passo importante che dà ulteriore credibilità all'Inter. Ha infatti dichiarato: "Dopo un anno e mezzo di lavoro, l’Inter è tornata ad avere credibilità". Antonio Conte ha sottolineato come qualche mese fa la squadra ha raggiunto una finale di Europa League, ma rimane la cocente delusione dell'uscita dalla Champions League in questa stagione.

Ha poi riconosciuto i meriti della Juventus negli ultimi nove anni, sia dal punto di visto tecnico che societario. E proprio la questione societaria sta pesando evidentemente anche sulla crescita tecnica dell'Inter. Le voci della cessione dell'Inter da parte della proprietà sono oramai diventate una conferma. Proprio questo ha impedito alla società di effettuare il mercato. Conte ha infatti aggiunto: "Immaginate se avessimo potuto fare il mercato, saremmo strafavoriti".

Antonio Conte sulla crescita dell'Inter

Antonio Conte ha voluto riconoscere i meriti della Juventus, che in questi anni è stata un modello dal punto di vista della programmazione e dei risultati raggiunti. Nove scudetti infatti sono frutto del lavoro, ma anche degli investimenti effettuati.

Conte ha infatti ricordato che solo in questa stagione sono arrivati giocatori come Alvaro Morata, Weston McKennie, Arthur Melo e Federico Chiesa. Il tecnico dell'Inter ha poi aggiunto orgogliosamente: "Vincere contro questa Juventus, quella di Cristiano Ronaldo, ti dà la consapevolezza che la strada intrapresa è quella giusta". Ha poi cercato di motivare ulteriormente la squadra utilizzando un paragone molto forte.

Antonio Conte ha sconfitto la Juventus da avversario per la prima volta

Prendendo l'esempio dal netto successo della Juventus contro l'Inter l'anno scorso e rapportandolo a quello della sua squadra di domenica 17 gennaio, ha aggiunto: "Dobbiamo 'ammazzare' calcisticamente l'avversario". Conte si è soffermato anche sulla sua soddisfazione personale, ovvero quella di aver battuto per la prima volta la Juventus da avversario.

Ha sottolineato infatti, che quando era alla guida dell'Atalanta in Serie B ma anche con l'Inter non aveva mai sconfitto la Juventus.

Secondo Antonio Conte però, la distanza fra Juventus e le avversarie è ancora ampio. Il tecnico dell'Inter ha però aggiunto che anche le altre squadre stanno lavorando per ridurre la distanza dalla Juventus.

Segui la pagina Serie A
Segui
Segui la pagina Inter
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!