Non si era fermato all’alt intimato dal posto di blocco della Polizia, il furgone con a bordo tre uomini sospetti, che la scorsa notte ha dato origine ad un inseguimento lungo la superstrada numero 36 di Colico (Lecco). Il furgone era stato intercettato perché ritenuto sospetto, e quando non si è fermato allo stop intimato dagli agenti, la pantera con a bordo l’agente Francesco Pischedda ha iniziato l’inseguimento.

Quando la volante è riuscita a bloccare il mezzo in fuga, l’inseguimento è proseguito a piedi. L’agente Pischedda ha inseguito uno dei passeggeri del furgone, un uomo di nazionalità moldava di 25 anni, ma nel tentativo di braccarlo, durante la colluttazione, è precipitato con lui in una scarpata, cadendo per 10 metri. Sia il poliziotto che il fuggitivo sono stati subito condotti all’ospedale, ma l’agente nella notte ha perso la vita. Il moldavo, invece, si trova attualmente in prognosi riservata, in condizioni gravissime, nel reparto di rianimazione dell’Ospedale di Lecco.

Le indagini della Procura e la ricerca dei fuggitivi

La procura ha subito aperto un fascicolo per fare chiarezza sulla dinamica dell’accaduto, dal momento che non è ancora chiaro come i due uomini siano potuti precipitare nel dirupo. Gli altri uomini che erano a bordo del furgone sono riusciti a fuggire. Sono attualmente ricercati dalle forze di polizia due uomini, nei territori della provincia di Lecco, ma anche nelle limitrofe province di Sondrio e Como.

Il sacrificio di Francesco

Francesco Pischedda, 29 anni, nato ad Imperia, lascia una compagna ed un figlio di dieci mesi.

L’agente era entrato in polizia nel 2009, ma solo dal 2011 aveva iniziato a prestare servizio presso la sottosezione della Polizia Stradale di Bellano, nella provincia di Lecco. Il ministro dell’interno, Marco Minniti, ed il capo della Polizia, Franco Gabrielli, hanno espresso il loro cordoglio ai familiari del poliziotto. Gabrielli ha poi descritto l’accaduto come “l’ennesimo sacrificio” degli operatori della Polizia di Stato per garantire la sicurezza dei cittadini.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto