Il Festival Inventa un film è un concorso per cortometraggi a tema. Quest'anno il filo conduttore delle opere selezionate è stato Cambiamenti e la risposta è stata praticamente planetaria dato che sono arrivate opere da 85 nazioni. E' nato a Lenola grazie all'Associazione Culturale Cinema e Società presieduta da Ermete Labbadia ed ancora oggi, nonostante lusinghiere proposte per portare l'evento in altre location italiane e non solo, si svolge ancora nella cittadina in provincia di Latina che offre scorci e paesaggi affascinanti. Una bella sfida ormai vinta e proprio grazie a questo appuntamento Lenola si trova ad essere un luogo di incontro del giovane cinema e della cultura più viva e propositiva.

1330 cortometraggi

L'attività di selezione in realtà copre praticamente l'intero anno e la mole di lavoro è impressionante. Quello che colpisce è l'atmosfera serena e insieme professionale di uno dei premi che nel corso degli anni è stato sempre trasparente nelle scelte e di conseguenza credibile nelle indicazioni di merito che di volta in volta vengono assegnate. Questo spiega il grande successo del festival, l'alto livello dei lavori proposti e il fatto che essere premiati a Lenola rappresenta il miglior biglietto da visita per arrivare a Venezia, a Cannes o alle produzioni internazionali. Tra tutti, tanto per fare un esempio, ricordiamo Toyland di Jochen Alexander Freydank che ha vinto l'edizione 2009 di Inventa un film e il Premio Oscar come miglior cortometraggio di fiction.

I migliori video del giorno

114 lungometraggi: oro invisibile

Uno spazio particolare viene dato anche a quei film che purtroppo, vuoi per motivi di distribuzione o per la mancanza di accordi con gli operatori internazionali, non riescono ad ottenere la visibilità che meriterebbero. E' un argomento attuale e importante e lo stesso Ministro Dario Franceschini si è interessato a questo problema in più di una occasione. Così, con la dinamicità e la lungimiranza degli organizzatori, il festival assegna ad alcuni di questi lavori una marchio di qualità, Oro Invisibile, appunto, con l'intento di segnalarli e renderli fruibili al maggior numero possibile di spettatori. Alcuni di questi sono stati proiettati integralmente durante le giornate di Lenola. Il circuito dei cortometraggi è vastissimo e vitale. Gli incontri più noti sono tra gli altri Locarno, Torino, Rotterdam e Berlino ma sia la rete che le rassegne minori consentono di avere un pubblico numeroso e appassionato. La storia di Lenola ricorda un po' la Bauci descritta da Franco Di Mare alle prese con una gigantesca scultura di Botero ma per chi ama il cinema e soprattutto adora scoprire quali saranno gli autori e gli interpreti che davvero saranno famosi l'appuntamento di Lenola è diventato imperdibile perché offre oro e gioielli ... visibili.