Lavorare per l’unità ma a condizione che non ci sia il Partito Democratico. Non usa troppi giri di parole Massimo D’Alema, intervistato da Aldo Cazzullo, per Il Corriere della Sera. Molti i temi toccati dal leader maximo che ha puntato il dito, come gli è capitato spesso del resto, contro il suo nemico numero uno: Matteo Renzi. Altro che tentativo di conciliazione e mediazione: con buona pace di Giuliano Pisapia, che pure ci ha provato negli ultimi mesi, Mdp e Pd continueranno a correre parallelamente. Piuttosto l’ex segretario dei Ds ha chiesto un atto di coraggio a Pisapia che, a suo dire, dovrebbe scendere direttamente in campo perché “sarebbe un leader più forte se si mettessi in gioco personalmente”.

Da par sua, D’Alema è pronto a rientrare dalla porta principale in Parlamento, dopo essere stato praticamente cacciato dalla Fondazione dei Socialisti Europei perché considerato il regista della scissione del PD. Non è ancora chiara la veste con la quale D’Alema tornerà a confrontarsi con l’elettorato italiano. L’ipotesi primarie tra Mdp, Sinistra Italiana e Campo Progressista (sempre se si dovesse arrivare a un’intesa) resta la strada più percorribile. Inevitabile è arrivata la battuta sulla riforma della legge elettorale: il PD ha in mano un accordo con i partiti d’opposizione per il Rosatellum. “È concepita per danneggiare noi e il Movimento5Stelle” ha tuonato D’Alema. “Noi siamo per il Mattarellum - ha concluso - oppure per un governo del presidente nel caso in cui non uscisse alcuna maggioranza dalle urne”.

Segui la pagina Pd
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!