Luigi Di Maio non poteva che svelare, attraverso il sacro blog di Beppe Grillo, i primi dettagli della sua imminente campagna elettorale da candidato premier. Sarà un vero e proprio rally, durerà tre mesi e calamiterà tutti gli esponenti grillini più rappresentativi sul territorio nazionale. Quella di Di Maio è più che altro una descrizione romantica di ciò che avverrà in questo lungo viaggio. Il pupillo di Grillo e Casaleggio punterà tutto sul confronto diretto con il popolo privilegiando strade pubbliche o territori sterrati (da qui il richiamo al rally) per uscire vincitore dalle urne.

Si va avanti anche di notte - ha spiegato - con le intemperie, tra la nebbia o mentre nevica e non c’è strada tortuosa che non si possa percorrere perché ogni secondo è prezioso”. Con il Rosatellum non basterà infatti al M5S essere il primo partito se non sforerà il tetto del 40% degli elettori. Per centrare l’impresa Di Maio dovrà dunque riuscire a catturare non solo il famigerato voto di protesta, ma soprattutto parte della platea degli astenuti che comincia a essere maggioritaria nel Paese. Ad aiutare il candidato premier grillino ci sarà come promesso anche Alessandro Di Battista, reduce dalla scelta personale contestata di non partecipare alle prossime politiche.

Segui la pagina M5S
Segui
Segui la pagina Elezioni Politiche
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!