Il timore di una nuova forte ondata, la frenesia delle discussioni che accompagnano la stesura di un nuovo Dpcm, l'attesa per i dati epidemiologici e le conseguenti ordinanze del Ministero della Salute. Sono questi gli ingredienti che, periodicamente, accompagnano i cittadini in nome delle restrizioni dovute all'emergenza Coronavirus.

Si rischia, perciò, di rimanere disorientati. Il dato di fatto è che a partire dal prossimo fine settimana si avrà a che fare con una stretta dipendente dal timore che in Italia si possa arrivare a situazioni complicate come quelle che si vedono in altre parti d'Europa.

L'azione contenitiva del governo si articolerà in due binari. Uno è quello previsto dal Dpcm, l'altro, correlato al primo, è quello delle ordinanze. Quest'ultime porteranno gran parte dell'Italia (il 75% del Paese in zona rossa o arancione) in funzione di quella che è stata la revisione dei parametri che ha reso più facile l'abbandono della zona gialla.

Nuovo Dpcm, cosa succede dal 16 gennaio? Le regole della zona gialla

La prima azione stringente è la revisione di alcune regole che disciplinano la zona gialla. Resta, ovviamente, valido il coprifuoco e il divieto di circolazione dalle 22 alle 5 senza comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. Bar e ristoranti nelle poche zone gialle residue potranno continuare ad operare in loco dalle 5 alle 18.

Resta il limite massimo di quattro persone a tavolo, a meno che non siano conviventi. La novità è che, però, i bar non potranno più operare con l'asporto dopo le 18. Le attività interessate dal divieto dovrebbero essere quelli individuati con i codici Ateco 56.3 (bar e altri esercizi simili senza cucina) e 47.25 (commercio al dettaglio di bevande in esercizi specializzati).

I ristoranti, invece, avranno ancora facoltà di vendere i propri prodotti con l'asporto, così come la consegna a domicilio.

Dpcm: limitazione a spostamenti e non solo

Nel concetto di zona gialla rafforzata irrompe anche il divieto di spostamento tra regioni senza motivi di lavoro, salute o necessità. Si tratta di un provvedimento che era in vigore dal 21 dicembre e che, di fatto, viene prorogato fino al 5 marzo, quando scadrà il Dpcm.

In zona gialla è, inoltre, consentito all'interno dei confini regionali andare a far visita a persone in un'abitazione privata, a patto che ci si muova una sola volta al giorno e al massimo due adulti alla volta.

Nel conteggio non ci sono i minori di anni 14 e le persone non autosufficienti. Nelle seconde case, senza necessità (ad esempio un guasto sopravvenuto e per il minimo tempo indispensabile, non si può andare, qualora esse siano fuori regione.

Ripartono i concorsi e le crociere a patto che vengano rispettate le linee guida. Rimangono, invece, chiuse la palestre e piscine fino al 5 marzo. Resta da capire se si arriverà a consentire lezioni individuali sulla base di possibili nuovi protocolli da parte del Comitato Tecnico Scientifico.

Nelle giornate festive e prefestive stop alle attività non essenziali nei centri commerciali. In quelle sedi possono restare aperte solo farmacia, parmafarcie, generi alimentari, prodotti agricoli, vivaisti, tabacchi edicole e librerie.

Solo in zona gialla riaprono musei e luoghi di cultura da lunedì al venerdì. Stesso discorso per le mostre. L'obbligo di tenere gli ingressi contingentati e di scongiurare gli assembramenti. Ancora chiusi cinema e teatri.

Zone arancioni e rosse: regole ancora più rigide

Tutte quelle che sono le limitazioni in zona gialla sono previste anche dentro le zone arancioni e gialle. Quasi come se si trattasse di una matrioska. Dal giallo al rosso i divieti si aggiungono via via divieti e restrizioni. E si tratta di un discorso non da poco, se si considera che tre quarti d'Italia sarà rossa o arancione.

La stretta sui bar e ristoranti, in questo caso, arriverà per semplice definizione. In entrambi i casi i bar ed i ristoranti sono chiusi, se non per asporto o consegna a domicilio.

Si aggiunge, come in giallo, il divieto di asporto per i bar dopo le 18.

La limitazione agli spostamenti anche in questo caso è evidente. In arancione non si può uscire dal proprio comune, se non per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. Si può uscire dal comune senza ragioni qualora si viva in un centro con meno di 5000 abitanti e senza poter raggiungere i capoluoghi di provincia.

Ancora peggio va in zona rossa, dove scattano altre chiusure e altre limitazioni. Restano, infatti, chiusi i negozi che non operano in settori merceologici ritenuti di prima necessità e soprattutto non si può uscire di casa senza averne motivo. Si può, però, svolgere attività motoria nei pressi della propria abitazione e attività sportiva nel proprio comune.

Non resta perciò che realizzare quale sarà, a partire dal prossimo 17 gennaio, il colore dalla propria regione e valutare di conseguenza le restrizioni che riguardano il territorio.

Nel nuovo Dpcm è contemplata anche l'ipotesi zona bianca, dove decadono quasi tutte le restrizioni (coprifuoco e limiti ristorazione compresi) a parte le regole basilari: obbligo di mascherina e divieto di assembramento. Tutte le regioni sono però lontane dal traguardo agognato di al massimo 50 casi settimanali ogni 100.000 abitanti.

Segui la pagina Coronavirus
Segui
Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!