La Juventus in questo finale di stagione è l'assoluta protagonista delle notizie fornite dalla stampa sportiva, non certo per i risultati in campo quanto per la 'telenovela' sulla permanenza o meno di Allegri sulla panchina bianconera, che si è conclusa ieri con un sofferto divorzio. Molti addetti ai lavori stanno facendo il punto sul l'annata della 'Vecchia Signora' e di altre big di Serie A, tra questi c'è anche Christian Vieri.

Su Conte

L'ex attaccante, intervistato da 'La Gazzetta dello Sport', ha dato il via al suo racconto parlando del possibile ritorno in Serie A di Antonio Conte, giudicato un grande acquisto per il campionato, poiché è considerato da molti un tecnico che dà intensità al team che allena: ciò, secondo Vieri, è dimostrato dal fatto che ha vinto al primo anno con il Chelsea la Premier League, mentre la seconda stagione ha conquistato la FA Cup.

Per l'ex attaccante sarebbe fondamentale dare al tecnico un progetto a lunga scadenza (3-4 anni), evitando di disfare tutto nel giro di poco tempo, come accade spesso in Italia.

L'intervistato non sa indicare un nome per la panchina bianconera, perché occorrerebbe un tecnico di grande esperienza in grado di reggere le pressioni di un ambiente in cui l'unica cosa che conta è conquistare trofei: "Guidare la Juve non è semplice, c'è grande pressione, da quelle parti conta solo la vittoria".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

Bobo non è rimasto soddisfatto dal modo di giocare della Juventus e spera che il prossimo anno ci sia un miglioramento, perché il blasone dei bianconeri, del Milan e dell'Inter impone di cambiare rotta. Vieri non si sente autorizzato a dare un voto a Cristiano Ronaldo per la sua prima annata in Serie A, perché non si può giudicare un calciatore che ha vinto palloni d'oro, Champions League e ha totalizzato oltre 600 reti: "Se lo facessi dovrei assegnare a me stesso zero". Secondo Vieri, CR7 va soltanto ringraziato per aver dato al campionato italiano un enorme contributo a livello d'immagine.

Le altre big di Serie A

Messi e CR7 sono due miti per l'ex giocatore e quando lasceranno il calcio lui potrebbe non divertirsi più: "Quando smetteranno di giocare Ronaldo e Messi, prenderò la tv, la butterò dalla finestra e me ne andrò al cinema a divertirmi". Secondo Vieri, l'Atalanta è la squadra più internazionale perchè gioca senza paura e non lascia respirare l'avversario. Il Milan e la Roma invece rischiano di non approdare in Europa perchè molto discontinue.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto