La stagione calcistica è ormai al tramonto e per la maggior parte dei top club è ora di programmare il futuro per colmare eventuali lacune. La Juventus e l'Inter pur essendo da sempre nemici, ultimamente hanno fatto qualche affare, basti ricordare il passaggio di Kwadwo Asamoah e Marotta. In questa sessione sull'asse Torino - Milano potrebbero incrociarsi diversi affari. Da tempo la Vecchia Signora segue la pista che porta a Mauro Icardi, il quale dopo la lunga diatriba con la dirigenza nerazzurra per averlo privato della fascia di capitano, auspicherebbe insieme alla compagna - agente Wanda Nara un approdo all'ombra della Mole.

Pubblicità
Pubblicità

La difficoltà del passaggio è acuita dalla rottura dei rapporti tra l'ex AD bianconero Beppe Marotta e l'attuale Chief Football Officer Fabio Paratici per cui sul tavolo delle trattative dovrà esporsi direttamente il presidente Andrea Agnelli. La valutazione del centravanti argentino è di 60 milioni di euro e potrebbe risolvere il problema della difficoltà di fare gol dei bianconeri, tra i quali ultimamente ha segnato solo Cristiano Ronaldo.

Pubblicità

Conte tenta Barzagli

L'eventuale vendita di Maurito servirebbe a finanziare i rinforzi auspicati dal probabile nuovo allenatore dei nerazzurri che risponde al nome di Antonio Conte, vecchia conoscenza della Juventus. Il pugliese ha atteso a lungo il summit tra Agnelli e Massimiliano Allegri per capire se ci fosse qualche possibilità di tornare sulla panchina bianconera, ma il massimo dirigente di Madama, ricordando il suo improvviso volta faccia del luglio 2014, ha spento ogni sua speranza.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Serie A

Antonio, allora ha deciso di accettare la corte dell'Inter perché ha visto in seno alla squadra le potenzialità di detronizzare i campioni d'Italia.

I trasferimenti tra i due club non sarebbero finiti con Icardi perché anche Andrea Barzagli, che ha annunciato ufficialmente il ritiro dal calcio giocato, potrebbe seguire Conte a Milano. Il difensore e l'allenatore si conoscono bene, in quanto sono arrivati entrambi alla Juve nel 2011 ed hanno un rapporto di estrema fiducia.

Andrea è stato richiesto dal tecnico, a Suning, come collaboratore insieme a Lele Oriali. Gli affari nel mondo del calcio hanno abituato a ribaltoni impensabili; Moratti ad esempio ha dato la sua benedizione all'ingaggio di Conte. Se le società calcistiche non si curano più di tanto delle rivalità, durante le sessioni di calciomercato, lo fanno i tifosi che non digeriscono i trasferimenti alle dirette concorrenti, eppure quest'estate potrebbero dover fare buon viso a cattiva sorte.

Pubblicità

Nonostante il clima ancora fresco, sull'asse Torino - Milano si annuncia una stagione rovente.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto