Primo passo falso della maggioranza gialloverde in parlamento. Ieri, 13 dicembre, in commissione Lavori Pubblici al Senato, è stato approvato un emendamento al Decreto Genova, presentato da una esponente di Forza Italia, che riguarda la disciplina del condono previsto per l’isola di Ischia. Il blitz è stato possibile solo grazie alla collaborazione di due senatori del M5S, Paola Nugnes (che non ha partecipato al voto) e Gregorio De Falco (che ha votato si insieme a berlusconiani e piddini).

Pubblicità
Pubblicità

Un fatto clamoroso, tenuto anche conto che i due dissidenti erano stati già avvertiti nei giorni scorsi, che porta il capogruppo pentastellato a Palazzo Madama, Stefano Patuanelli, a bollarli come traditori. Naturalmente opposta la reazione delle opposizioni, con Matteo Renzi che su Twitter ringrazia pubblicamente i due protagonisti della vicenda in nome di una presunta lotta alla “schifezza” rappresentata dal condono edilizio.

Pubblicità

Matteo Renzi si prende gioco del M5S

Anche se l’approvazione a sorpresa dell’emendamento all’articolo 25 del Decreto Genova, presentato dalla senatrice di Forza Italia Urania Papatheu, potrebbe essere cancellata durante le prossime votazioni in aula al Senato (visti i numeri della maggioranza), l’ammutinamento compiuto da Paola Nugnes e da Gregorio De Falco ha lasciato certamente il segno. Risulta infatti indigeribile per i vertici del Movimento la presa per i fondelli a cui Matteo Renzi li ha sottoposti con un semplice e breve tweet.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
M5S Matteo Renzi

“Oggi in Commissione il Governo è stato battuto sul condono edilizio - cinguettava ieri sera l’ex segretario Pd - voglio dire pubblicamente grazie ai senatori Cinque Stelle che hanno avuto il coraggio di votare contro questa schifezza. Insomma, vedere un Renzi protettore della legalità contro i furbetti a 5 Stelle è un qualcosa di inconcepibile dalle parti di Grillo e della Casaleggio Associati.

De Falco ‘scenda di bordo ca...’

Per questo motivo si attendono delle punizioni esemplari per Paola Nugnes e Gregorio De Falco, il famigerato ufficiale della Marina Militare, divenuto noto al grande pubblico per aver gridato “torni a bordo ca...” al comandante della Costa Concordia, Francesco Schettino, che si era dato alla fuga dopo il naufragio del suo transatlantico.

Il primo ad esporsi in nome del Movimento è stato l’attuale capogruppo al Senato, Stefano Patuelli, il quale ha prima assicurato che “la maggioranza resta solida” nonostante le due dissidenze, aggiungendo poi che Nugnes e De Falco “hanno tradito l’impegno preso con i cittadini”. Comunque sia, voci sempre più insistenti, assicurano che i due traditori verranno al più presto espulsi dal gruppo pentastellato.

Pubblicità

Sulla vicenda è poi intervenuto lo stesso leader del M5S, Luigi Di Maio, parlando di fatto “gravissimo” e ricordando che i due sono già sotto procedura dei probiviri perché non stanno rispettando gli impegni presi con gli elettori M5S.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto