Il Governo presieduto da Giuseppe Conte è al capolinea. La Lega ha aperto la crisi e adesso resta da capire quali scenari si apriranno. Matteo Salvini, in alcune dichiarazioni dell'ultima ora, ha rivelato che non dimentica i mesi in cui la maggioranza giallo-verde ha lavorato bene per l'Italia e che non risponderà agli insulti che riceve da parte grillina. Non ha nascosto però l'eventualità di uno scenario che potrebbe portare alla costituzione di una nuova maggioranza parlamentare, formata da Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle. Una prospettiva che impedirebbe alla Lega di andare rapidamente alle elezioni con i sondaggi che la danno netta favorita e che darebbe agli altri due partiti la possibilità di prendere del tempo prima di tornare alle urne, considerato che oggi non sembra esserci partita.

Salvini non rinnega lavoro con il M5S

Il giorno dopo la rottura con il Movimento Cinque Stelle, Matteo Salvini parla da Termoli. "La cosa più utile da fare - afferma - per gli Italiani, più trasparente e dignitosa è andare a votare il prima possibile". La definitiva frattura con i grillini non sembra alimentare nel Ministro la voglia di sparare a zero sugli ormai ex alleati: "Per quasi un anno - evidenzia - abbiamo lavorato bene, non avrò mai parole negative nei confronti di Di Maio e Conte.

Non risponderò mai agli insulti che mi stanno arrivando da giorni e da settimane, perché mi sembrerebbe ingeneroso nei confronti delle tante cose buone che abbiamo fatto". Salvini sembra accettare la fine del rapporto come un qualcosa di fisiologico, paragonabile ad altri ambiti della vita: "Come in tutte le coppie, in tutte le società, se passi più tempo a litigare che ad andare d'accordo, è meglio salutarsi con rispetto e tornare a dare la parola al popolo italiano".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Matteo Salvini M5S

Salvini percepisce toni simili tra Renzi e Di Maio

Le possibilità di evitare le elezioni sono fondamentalmente due e dipenderanno da Mattarella: un Governo tecnico o un nuovo esecutivo politico. In entrambi i casi, servirebbe l'appoggio di una maggioranza parlamentare. Una soluzione sarebbe un'eventuale e clamorosa intesa M5S-Pd, che Salvini non sembra escludere. "Sento - afferma - e sarebbe una cosa incredibile, che ci sono toni simili tra Partito Democratico e Movimento Cinque Stelle, fra Renzi e Di Maio.

Mi auguro che nessuno stia pensando di prendere in giro gli Italiani, di tirarla in lungo e inventarsi un Governo che sarebbe inaccettabile per la democrazia" "Dopo questo Governo - ha concluso Salvini - ci sono solo le elezioni. La Lega è pronta e prima si fanno e meglio è".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto