Alexa

crisi migratoria

Questa è la community di crisi migratoria. Iscriviti per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie e per connetterti con gli altri membri!

Amministratore: Pasquale Massimo

Canale seguito

crisi migratoria

Canale

Clicca qui per seguire il Canale e rimanere aggiornato
Devi seguire il canale per continuare a leggere
More

La Crisi Migratoria che sta ridisegnando gli scenari sia in Europa che nelle regioni limitrofe.

  1. La Crisi Migratoria
  2. Da cosa fuggono i rifugiati?
  3. Un po' di numeri
  4. Migranti: cosa dice la Convenzione di Dublino?

La Crisi Migratoria

Dal 2015 un numero sempre crescente di migranti e rifugiati ha cominciato a spostarsi verso l'Unione Europea per richiedere asilo, viaggiando via mare (Mar Mediterraneo) o via terra (attraverso la Turchia e l'Europa sudorientale). Le principali aree di provenienza dei migranti sono il Medio Oriente, l'Asia meridionale, l'Africa ed i Balcani occidentali. Le ragioni che spingono queste persone a spostarsi sono varie: dai motivi economici al mero desiderio di migliorare la propria vita.

Da cosa fuggono i rifugiati?

Diverso il discorso quando si parla di rifugiati, che invece scappano da guerre o persecuzioni nei propri paesi di origine. I principali conflitti che attualmente causano i maggiori flussi di rifugiati sono la guerra civile siriana, la guerra in Afghanistan, la guerra civile in Somalia, il conflitto del Darfur e il regime dittatoriale eritreo.

Un po' di numeri

Secondo l'UNHCR, alla fine del 2014 il numero di migranti forzati (ovvero persone obbligate ad abbandonare i propri Paesi) è 59,5 milioni nel mondo, il più alto livello dalla seconda guerra mondiale. Di questi: 19,5 milioni sono rifugiati, 1,8 milioni sono richiedenti asilo e 38,2 milioni sono sfollati all'interno dei loro Paesi. Interessante anche il dato che attesta la loro provenienza: 6 dei primi 10 Paesi d'origine dei rifugiati sono africani: Somalia, Sudan, Sudan del Sud, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica Centrafricana ed Eritrea.

Migranti: cosa dice la Convenzione di Dublino?

Il principale provvedimento che regola il fenomeno migratorio è la Convenzione di Dublino. Secondo la Convenzione il primo Stato membro dell'Unione Europea in cui un richiedente asilo è entrato (e in cui gli sono state prelevate le impronte digitali) è responsabile di esaminare la sua richiesta. Determinare il Paese responsabile di esaminare una richiesta di asilo è necessario per impedire il cosiddetto asylum shopping (che si verifica quando un richiedente presenta simultaneamente più richieste d'asilo a diversi stati membri dell'UE per aumentare la possibilità di una risposta positiva) ed evitare i richiedenti asilo "in orbita" (coloro la cui richiesta non viene esaminata da nessuno Stato membro).

In questo modo, però, se il richiedente asilo si trasferisce in un altro Stato membro, può essere rimandato indietro nel Primo stato in cui è arrivato. Per questo, secondo i critici, le regole di Dublino attribuiscono troppa responsabilità agli Stati collocati lungo le frontiere esterne dell'Unione (come l'Italia, Malta e la Grecia) anziché creare un sistema di distribuzione equo tra gli Stati dell'Unione.

Chi segue crisi migratoria?
Pramod Samariya
Gianpietro David
Massimiliano Nallira
Alfonso Floreani
Antonio Balzarani
Milio Maurizio
Anna Maria Fenu
Voglio ricevere aggiornamenti su crisi migratoria