Il giorno del matrimonio è quello che viene considerato il più importante nella vita di una donna e di un uomo che coronano la loro storia d'amore diventando marito e moglie. Etimologicamente il termine deriva dal latino matrimonium, che a sua volta è composto dall'unione delle due parole mater - cioè madre, genitrice - e munus, cioè dovere: il matrimonio era quindi inteso come il legame con il quale i figli nati dall'unione delle due persone diventavano legittimi. Il compito del padre era il patrimonium, cioè tutto ciò che concerneva il sostentamento della famiglia.

Ai giorni nostri ci sono ancora molte usanze - alcune delle quali però cadute un po' in disuso - che derivano da vecchie tradizioni legate al giorno dello sposalizio. Una di queste è il lancio del bouquet di fiori che la sposa fa alla fine della cerimonia: si dice che la damigella che riesce ad afferrare al volo il mazzo di fiori sarà la prossima a sposarsi. Tradizionalmente la sposa doveva portare una dote che era tipicamente costituita da lenzuola e biancheria ricamata a mano; in alcuni luoghi poi la sposa il giorno del matrimonio deve indossare 5 cose che siano di buon auspicio: qualcosa di nuovo, che sta a significare la nuova vita che ha inizio; qualcosa di vecchio, che simboleggia la vecchia vita che viene lasciata alle spalle; qualcosa di regalato, che rappresenta l'affetto delle persone care; qualcosa di prestato, che rappresenta una o più persone care che sono vicine con affetto in questo momento; infine qualcosa di blu. Il blu anticamente era il vestito dell'abito, e sta a significare la purezza e la sincerità da parte della donna che sta convolando a nozze: in Italia in genere viene indossata una giarrettiera con un nastrino blue annodato.

Lo sposalizio viene scandito da diverse ricorrenze a seconda del numero di anni che sono trascorsi dalla data del matrimonio: per ciascun anniversario sono contraddistinte dal nome di un materiale, un fiore o una pietra e associate a un colore di confetti. Troviamo per esempio le nozze di seta dopo 5 anni, colore fuxia, le nozze di stagno (10 anni, giallo), di porcellana (15 anni, beige), di cristallo (20 anni, luce); a 25 anni le nozze d'argento, a 50 le nozze d'oro e a 60 quelle di diamante per le quali i confetti sono nuovamente bianchi.